Browsing Tag

linfonodi

Linfodrenaggio

Tecnica e controindicazione

moves linfaticoTecnica

All’inizio della seduta, l’apertura delle principali stazioni linfatiche: quella nella zona clavicolare, alla base del collo, quella delle ascelle, a destra del diaframma, stimola poi i linfonodi dell’inguine e quelli del cavo popliteo (parte posteriore del ginocchio), intorno ai malleoli e infine sui muscoli gemelli del polpaccio.
Una volta che la linfa è stata mobilitata deve essere aiutata a scorrere; verranno fatte delle manovre dal basso verso le principali stazioni linfatiche per drenare e velocizzare il flusso linfatico.

Controindicazione

Continua a leggere

Linfodrenaggio

Milza e Timo

timoMilza

Organo simile ai Linfonodi con l’ eccezione che è molto più grande, piena di sangue e si può considerare come una riserva.

La Milza purifica sia il sangue che la linfa che fluiscono attraverso di essa.
Se quest’organo si danneggia o viene rimosso l’individuo diventa più soggetto alle infezioni. Continua a leggere

Linfodrenaggio

Difesa attuata dal sistema linfatico

sistema immI linfonodi contengono molte fibre reticolari che sostengono i macrofagi e le cellule dendritiche e sono un luogo in cui continuano a circolare i Linfociti B e i Linfociti T ormai giunti a maturazione.

Ricordiamo come, nei vari linfonodi, circolino in media di 25 miliardi di Linfociti nel corso delle 24 ore.

Continua a leggere

Linfodrenaggio

Linfonodi

linfonodoLa linfa, nel suo viaggio verso il cuore, incontra varie Ghiandole linfatiche (Linfonodi o Nodi linfatici), in cui viene filtrata e ripulita da quanto ha raccolto (cellule morte, microbi uccisi, particelle estranee, ecc.).

I Linfonodi si presentano come strutture a forma di fagiolo e misurano da 1mm a 20mm di diametro. La linfa entra in essi da vari vasi linfatici (afferenti), e se ne esce da uno solo (efferente).

Troviamo i Linfonodi nel tessuto connettivo, sotto il primo rivestimento (epitelio) delle membrane (specialmente quelle che rivestono la parte superiore del tratto respiratorio), nell’intestino e nell’apparato genito-urinario. Continua a leggere